Regolamento

PRINCIPI E FINALITA'

Art. 1 - Come previsto dall'Art. 5 dello Statuto, i Soci della L.I.D.U., possono essere tutte le persone fisiche con età maggiore di 18 anni.

Le domande di ammissione devono essere formulate per iscritto compilando l'apposito modulo in ogni sua parte (Allegato A), pena la nullità, e inviarle alla Segreteria generale, unitamente al versamento della quota sociale.
Sull’ammissione a socio effettivo decide inappellabilmente e senza obbligo di motivazione il Presidente nazionale.
Un socio può iscriversi direttamente alla L.I.D.U. nazionale o presso qualsiasi Comitato Locale; può chiedere il trasferimento ad altro Comitato dandone notizia scritta alla Segreteria generale.
Le quote sociali sono determinate dal Comitato Esecutivo e devono essere versate interamente sul conto economico della L.I.D.U.
Il socio che non versa la quota associativa annua, perde la qualità di socio effettivo e qualora rinnovi l'iscrizione "ex post" dovrà versare anche la quota dell'anno precedente I "soci simpatizzanti" dovranno compilare la scheda informativa di cui all'Allegato B.

La qualità di socio si perde per:
a) morosità, che è decretata dal Comitato Esecutivo, quando il socio non versi la quota di rinnovo sociale entro il termine fissato ogni anno, senza un motivo ritenuto valido;
b) radiazione:
  • quando si accerti che il soggetto con il proprio comportamento pregiudichi gravemente l’attività sociale o l’integrità morale della L.I.D.U. ;
  • quando si accerti l’indegnità dipendente dalla perdita dei diritti civili, in seguito a sentenza penale di condanna concernente un delitto passata in giudicato per cui non sia concesso il beneficio condizionale della pena ed il beneficio della non menzione nel casellario giudiziario.; a meno che non si ritenga che il reato contestato o la procedura giudiziaria relativa concretino violazione dei diritti umani o dei principi democratici;
  • per il compimento di atti anche non diretti contro la L.I.D.U. che contrastino o turbino gravemente l’attività sociale, o pregiudichino comunque il conseguimento degli scopi statutari.
c) dimissioni scritte; in tal caso il socio dimissionario non ha diritto al rimborso, neppure parziale della quota versata;
d) causa di morte;

I provvedimenti nei confronti dei soci sono così regolamentati:

a) morosità = la decisione di cancellazione per morosità spetta al Comitato Esecutivo che delibera con votazione a scrutinio palese, con maggioranza semplice dei presenti.
b) radiazione = la richiesta di cancellazione per radiazione del socio o dell'organo periferico interessato, sarà decisa dal Comitato Esecutivo, che invierà motivazione scritta, al Collegio dei Probiviri,. Il Presidente del Collegio, entro 10 (dieci) giorni dalla notifica, convocherà apposita riunione e comunicherà, per iscritto al Comitato Esecutivo la decisione probovirale deliberata, come indicato nell'art. 13 dello Statuto.
Spetta al Presidente nazionale convocare il Comitato Esecutivo, appena possibile, per stabilire il provvedimento disciplinare, di cui deve essere data comunicazione scritta all'interessato, a cura della Segreteria generale, entro 10 (dieci) giorni dalla data della delibera del Comitato Esecutivo.
ORGANI NAZIONALI

Art. - 2 Come previsto dall'Art. 7 dello Statuto, il Congresso nazionale è convocato dal Presidente nazionale, nelle forme previste dallo Statuto, preferibilmente entro 30 (trenta) giorni prima della data fissata per il suo svolgimento, con lettera raccomandata o per posta elettronica, dando notizia della sede e dell’ordine del giorno. È regolarmente costituito in prima convocazione se sono presenti almeno 1/3 (un terzo) degli aventi diritto e in seconda convocazione senza nessun limite. Delibera a maggioranza dei presenti.

Possono partecipare:
  • Se convocato in forma assembleare, tutti i soci in regola, di persona o delegando un altro socio. Un delegato non potrà gestire più di 10 (dieci) deleghe:
  • Se convocato in forma congressuale i delegati saranno eletti dai Comitati locali in proporzione 1 (un) delegato ogni 10 (dieci) soci o frazione.
Il Congresso nazionale è presieduto dal Presidente nazionale.

Le elezioni alle cariche si effettuano a scrutinio segreto, a mezzo di schede numerate e timbrate, preparate dalla Segreteria generale e firmate dal Presidente nazionale. Lo scrutinio verrà effettuato dal Segretario generale, con enunciazione ogni singola scheda, del nome del "votato". Per il controllo saranno nominati dal Presidente dell'Assemblea tre scrutatori tra i soci effettivi presenti. L'eventuale ricorso deve essere presentato scritto e motivato e inviato alla Segreteria generale entro i 3 (tre) giorni successivi a quello della riunione, non è ammesso il ricorso verbale.

Art. 3 - Con riferimento all'Art. 9 dello Statuto, il Comitato Centrale dura in carica per un periodo di 36 mesi, salvo anticipato scioglimento della L.I.D.U. o per dimissioni dell'intero Comitato Centrale stesso. In questo ultimo caso il Comitato Centrale avrà l’obbligo di assolvere ai propri doveri fino alla costituzione di un nuovo Comitato Centrale, che dovrà essere eletto da un Congresso straordinario, appositamente convocato entro un massimo di 30 (trenta) giorni dal suo scioglimento. Il Comitato Centrale è convocato dal Presidente nazionale o da almeno 1/3 dei componenti del Comitato stesso, con comunicazione scritta o per posta elettronica, almeno 10 (dieci) giorni prima della data della riunione. La riunione è validamente costituita se sono presenti, in prima convocazione almeno 1/3 un (un terzo) dei soci e in seconda convocazione senza nessun limite. Delibera a maggioranza semplice, con voto palese.

Art. 4 - Con riferimento all'Art. 10 dello Statuto il Comitato Esecutivo si riunisce periodicamente ed è convocato dal Presidente nazionale o da almeno 3 (tre) Membri del Comitato stesso, con comunicazione scritta, postale o per posta elettronica, almeno 5 (cinque) giorni prima della data della riunione. La riunione è validamente costituita se sono presenti, in prima convocazione almeno 1/3 un (un terzo) dei soci e in seconda convocazione senza nessun limite. Delibera a maggioranza semplice, con voto palese. In caso di dimissioni o perdita di uno o più membri del Comitato Esecutivo, il Presidente nazionale, entro 30 (trenta) giorni dalla data dell'evento, convocherà il Comitato Centrale che nominerà i nuovi membri a reintegrazione, scelti tra i componenti del Comitato centrale stesso.

Art. 5 - Con riferimento agli Artt. 13 e 14 dello Statuto, il Collegio dei Probiviri e il Collegio dei Revisori, dopo la loro costituzione saranno convocati dal Presidente nazionale, per eleggere il Presidente del Collegio, scelto tra i componenti del Collegio stesso. Nei casi previsti dallo Statuto, si riuniscono su convocazione del loro Presidente e giudicano a maggioranza dei loro componenti.
STRUTTURA

Art. 6 - Con riferimento all'Artt. 15 e 16 dello Statuto la costituzione di un nuovo Comitato Locale avverrà per iniziativa di un gruppo minimo di 5 (cinque) soci Ordinari, che accettano e condividono i principi della L.I.D.U. e che vogliono partecipare fattivamente alla sua attività.

La procedura di costituzione avverrà secondo le direttive sotto indicate:
  • compilazione delle domande di adesione (allegato A);
  • versamento delle quote associative;
  • compilazione della domanda di costituzione (allegato C);
  • stesura del verbale di assemblea costituente (allegato D);
  • comunicazione dei riferimenti del Comitato (indirizzo sede, recapiti telefonici, indirizzo e-mail)
La documentazione relativa alla costituzione dovrà essere inviata alla Segreteria generale che la sottoporrà all’approvazione del Presidente nazionale. Sarà cura della Segreteria generale darne riscontro entro 15 (quindici) giorni, dell'avvenuta approvazione con comunicazione al Presidente del Comitato. Ogni biennio, i soci dei Comitati Locali, si riuniscono in Assemblea, appositamente convocata, da parte del Presidente del Comitato in carica, mediante comunicazione scritta sia postale sia per posta elettronica, da inviarsi a tutti i soci del Comitato almeno 10 (dieci) giorni prima della riunione per eleggere, tra i soci appartenenti al Comitato le cariche sociali previste dall'art. 16 dello Statuto. L'Assemblea è validamente costituita se sono presenti, in prima convocazione almeno un terzo dei soci e in seconda convocazione senza nessun limite. Le votazioni avverranno con voto palese o per acclamazione. Il verbale dell'Assemblea dovrà essere inviato alla Segreteria generale, per l'approvazione da parte del Presidente nazionale. Sarà cura della Segreteria generale dare riscontro dell'accettazione, con comunicazione scritta al Presidente del Comitato.
Art. 7 - Con riferimento all'Art. 17 dello Statuto, i Presidenti e i delegati dei Comitati Locali della regione, si riuniscono in assemblea, appositamente convocata con comunicazione scritta, postale o per posta elettronica, almeno 15 (quindici) giorni prima della data della riunione, per eleggere il nuovo Presidente regionale. L’assemblea sarà convocata inizialmente dal Presidente nazionale e ogni biennio successivo dal Presidente regionale uscente. All'Assemblea hanno diritto di partecipare con diritto di voto, i Presidenti dei Comitati Locali e i loro delegati, calcolati in uno ogni 5 (cinque) soci o frazione. Il verbale dell'assemblea dovrà essere inviato alla Segreteria generale, per l'approvazione da parte del Presidente nazionale (allegato F).
Art. - 8 Con riferimento all'Art. 10 dello Statuto, per meglio realizzare i fini sociali. sono previsti:
  • 1.Le Commissioni che sono formate da soci effettivi appartenenti anche a Comitati diversi e da soci simpatizzanti. Sono dirette da un Presidente coadiuvato eventualmente da un Segretario, nominato dal Presidente della Commissione stessa. Le Commissioni si occupano di specifiche materie fissate dall’Esecutivo , inerenti i Diritti umani, per attuare nel loro particolare settore, le direttive politiche della L.I.D.U. Ad inizio dell'anno solare, debbono presentare un loro piano di lavoro che deve essere approvato dal Comitato Esecutivo, che può chiedere alle singole Commissioni di sviluppare temi di particolare interesse. Entro il 31 dicembre di ogni anno, ogni Commissione dovrà presentare al Comitato Centrale una relazione sul lavoro svolto durante l'anno. Possono essere componenti di una Commissione “soci simpatizzanti”, esenti dal versamento delle quote sociali.
  • 2. Gli Osservatori sono formati da soci effettivi appartenenti anche a Comitati diversi e da soci simpatizzanti. Sono diretti da un Responsabile, nominato dal Presidente nazionale. Gli Osservatori sono gruppi di lavoro che si interessano di argomenti specifici e di massima si coordinano con le Commissioni che si interessano della materia in generale. Ad inizio dell'anno solare, debbono presentare un loro piano di lavoro che deve essere approvato dal Comitato Esecutivo. Entro il 31 dicembre di ogni anno, ogni Osservatorio dovrà presentare al Comitato Esecutivo una relazione sul lavoro svolto durante l'anno.
  • 3. Le Funzioni operative sono incarichi affidati ad un singolo socio effettivo, quale Responsabile, nominato dal Presidente nazionale. Sono costituite per sviluppare e sostenere determinate attività e riferiscono direttamente al Presidente nazionale di cui sono staff. Le Funzioni operative, se richiesto dal Presidente nazionale, forniranno relazioni specifiche sul lavoro svolto.
APPENDICE

Art. 9 - In considerazione di quanto riportato nei precedenti articoli e delle responsabilità delle varie Cariche sociali, si definiscono le incompatibilità tra alcune di queste, come definito schematicamente nella Tabella di cui all'Allegato E.

Art. 10 - I dati personali degli iscritti, raccolti dalla L.I.D.U. mediante le domande di adesione e le schede informative, e i successivi eventuali aggiornamenti, saranno trattati nel rispetto degli obblighi di correttezza, liceità e trasparenza, imposti dalla legge, in ottemperanza a quanto disposto dall’art.l1 all'art. 13 del DLGS 196/2003. Il titolare del trattamento è il Presidente nazionale della L.I.D.U. il quale potrà avvalersi di persone di sua fiducia nell’utilizzo dei dati ai fini degli scopi associativi. Premesso che la L.I.D.U.:
  • utilizza nominativi ed immagini dei partecipanti a convegni o di soci che si sono distinti per qualsiasi motivo;
  • invia periodicamente ai soci informative sui programmi, bollettini, calendari di convegni o eventi, tramite mezzi informatici,
  • il socio autorizza la L.I.D.U. Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo in persona del suo Presidente, al trattamento dei dati ed immagini personali, secondo quanto indicato nella presente informativa, espressamente autorizzando la comunicazione a terzi per le finalità connesse al perseguimento degli scopi associativi. Il socio espressamente solleva la L.I.D.U., il Comitato Esecutivo ed i soci, che partecipano a qualunque titolo all’organizzazione di eventi, da responsabilità civili e/o penali in caso di qualunque evento negativo (danni alle persone, ai beni personali, furti, ecc..) che si possono verificare a se stessi e/o ad eventuali familiari al seguito, durante lo svolgimento di seminari e convegni, il soggiorno in alberghi, i viaggi collettivi o individuali, connessi con le attività della L.I.D.U.

    Art. 11 - Il presente Regolamento da attuazione allo Statuto approvato dall’Assemblea nazionale il 7 marzo 2015 ed entra in vigore dalla giorno successivo a quello della sua approvazione. Il presente Regolamento, insieme allo Statuto sarà reso pubblico sul sito internet della L.I.D.U. ___________________________ I seguenti allegati sono parte integrante del presente Regolamento 1. Allegato A) Domanda di adesione di socio effettivo; 2. Allegato B) Scheda informativa di "socio simpatizzante"; 3. Allegato C) Domanda di costituzione di un nuovo Comitato locale; 4. Allegato D) Bozza di verbale per la definizione delle Cariche di Comitato locale; 5. Allegato E) Bozza verbale elezione Presidente regionale