Tesseramento 2017

Socio Giovane (fino a 30 anni) € 10,00 Socio Ordinario € 50,00 Poiché la L.I.D.U. è un'Associazione Onlus e la quota associativa è stata fissata ad € 50,00 ogni versamento maggiore della quota suddetta, verrà considerata come versamento liberale... Leggi tutto

5 x mille

Puoi contribuire, e far contribuire amici e parenti, destinando, con la "Dichiarazione dei Redditi", il 5 per 1000 alla LIDU onlus. Il nostro codice fiscale necessario per esprimere la tua scelta è il seguente: 97019060587

CHI SIAMO

La Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo fu fondata da Ernesto NATHAN, già sindaco di Roma, nel 1919, con un atto di rifondazione della Lega per la Democrazia fondata da Giuseppe GARIBALDI nel 1870. Dopo l’impresa dei Mille del 1860, infatti, Garibaldi aveva iniziato un lavoro inteso a rivivificare le associazioni propugnatrici degli Immortali Principi dei Diritti dell’Uomo, sorte in molte città italiane dopo il 1797 e la campagna d’Italia di Napoleone Bonaparte. Il progetto politico di Garibaldi perseguì da allora la costruzione della democrazia in Italia attraverso il riconoscimento dei diritti umani e la loro garanzia nell’ordinamento dello Stato unitario, nonché l’abolizione della pena di morte (fino ad allora abolita solo nel Granducato di Toscana, dal 1786), poi attuata col Codice Zanardelli del 1889. La Lega per la Democrazia venne quindi mandata avanti da Alberto MARIO, che diresse anche una testata giornalistica con la stessa denominazione, mentre cominciò a chiamare l’associazione, dal 1882, Lega dei Diritti dell’Uomo. Il programma allora fu: «la areligiosità dello Stato, della provincia, del comune e delle scuole; la libertà di stampa e di parola; il decentramento amministrativo, la riforma radicale del sistema tributario, la graduale soppressione dell’esercito stanziale, l’abolizione della pena di morte; il suffragio universale».

Leggi tutto

Servizio Civile

Il Servizio Civile Nazionale nasce come alternativa al servizio militare obbligatorio ed è stato istituito con la legge 64/01 del 22 marzo 2001. Esso opera nel rispetto dei principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione e dell’utilità sociale nei servizi resi. Il Servizio Civile Nazionale trova applicazione in diversi settori, tra i quali si ricordano ambiente, assistenza, tutela del patrimonio artistico e culturale, protezione civile, servizio civile all’estero ed educazione e promozione culturale.
Domande di partecipazione